Rodi

Estate 2018

Volo speciale

Santorini

Estate 2018

Partenza da Palermo o Catania

Portogallo

Dal 14 luglio 2018

Partenza settimanali ogni sabato

Vaccinazione obbligatorie

Intraprendere un viaggio per lavoro o semplicemente per una vacanza, soprattutto se intende recarsi in paesi tipicamente endemici per alcune malattie e soprattutto se intende viaggiare con i propri figli, deve conoscere con esattezza le vaccinazioni da effettuare prima di iniziare il viaggio. Le stesse sono, alcune obbligatorie per legge e vanno effettuate comunque prima di entrare nel paese che si desidera visitare, altre sono raccomandate dall’OMS, altre ancora sono invece consigliate soltanto in particolari circostanze.

Il piano vaccinale andrà stabilito in base alla presenza o meno di bambini durante il viaggio (importante a questo riguardo lo stato immunitario e l’età), alla durata e al tipo del viaggio, allo stato di salute e al tempo disponibile prima della partenza. Sia noto che la durata della protezione determinata dall’immunizzazione è variabile e dipende anche dalle difese immunitarie di ogni singola persona.

– La vaccinazione antivaiolosa, non è più obbligatoria in quanto il vaiolo è stato eradicato già da molti anni e l’OMS ha confermato tale eradicazione da oltre 10 anni.

– La vaccinazione contro il colera dal 1973 non è più obbligatoria perché i vaccini attualmente disponibili non sono in grado di conferire una protezione valida e soprattutto duratura.

– La vaccinazione contro la febbre gialla è raccomandata a chi si reca in zone rurali di paesi in via di sviluppo o in località in cui tale malattia si manifesta nell’uomo o si suppone possa essere presente nei primati. Anche se non sono stati segnalati casi ufficiali e anche quando non viene espressamente richiesto il certificato di vaccinazione è buona regola, se esistono le condizioni predette, vaccinarsi comunque. Molti paesi infatti richiedono il certificato internazionale di vaccinazione per permettere l’ingresso ai viaggiatori provenienti da luoghi in cui la febbre gialla è presente. Il numero di tali paesi subisce periodiche modifiche. E’ però possibile avere informazioni recenti servendosi del Centre for disease control di Atlanta che pubblica ogni 15 giorni l’elenco aggiornato. Il documento è disponibile:

– via fax chiamando il (404) 3324565 e richiedendo il documento # 22022

– sul sito internet: http://www.cdc.gov/travel /blusheet.htm.

E’ possibile consultare anche il sito internet del Ministero degli Affari Esteri:

http://www.esteri.it/servizi/consigli/index.htm

I bambini possono essere vaccinati contro la febbre gialla a partire dai sei mesi di vita. Il relativo certificato è valido per 10 anni e dopo dieci giorni l’esecuzione della vaccinazione.

– Il vaccino contro la febbre tifoide, di tipo inattivato a cellule intere o vivo attenuato, è raccomandato per chi si reca in zone dove le condizioni igieniche sono inadeguate.

– Il vaccino contro l’epatite A di tipo inattivato (virus ucciso) è consigliato per viaggi in paesi in via di sviluppo e a forte endemicità; la vaccinazione contro l’epatite B con vaccino ricombinante (in Italia obbligatoria per i nuovi nati) è consigliata per le professioni medico-sanitarie e per chi affronta viaggi con prolungati soggiorni in aree a forte endemicità.

– La vaccinazione anti tubercolare è raccomandata per chi si reca dove la malattia è diffusa. Il vaccino può essere somministrato dalla nascita fino ai 2 mesi di età senza eseguire il test alla tubercolina (se non c’è stata esposizione), mentre dopo tale età va somministrato solo ai bambini Mantoux negativi. E’ controindicato nei soggetti con infezione HIV sintomatica.

– La vaccinazione anti meningococcica non è raccomandata di routine. E’ invece indicata per coloro che si recano in zone endemiche e se prevedono di vivere a stretto contatto con la popolazione locale. Il vaccino viene somministrato in dose singola; nei bambini di età inferiore ai 18 mesi, per assicurare una immunità di più lunga durata, viene praticato con 2 dosi a distanza di 3 mesi l’una dall’altra.

– Il vaccino antinfluenzale è consigliato ai bambini, agli anziani e ai soggetti con patologie croniche che si recano ai tropici in qualsiasi periodo dell’anno. Va somministrato a chi prevede di soggiornare nell’emisfero sud tra il mese di Aprile e Settembre e a chi si reca nell’emisfero nord tra Novembre e Febbraio. Queste precauzioni diminuiscono se i viaggiatori sono stati vaccinati nel corso della stagione precedente.

– Il vaccino contro l’encefalite giapponese è indicato solo in caso di soggiorno prolungato in zone rurali dei paesi endemici (Cina, Giappone, Filippine, India, Laos, Myanmar, Viet Nam, Corea, Nepal, Thailandia, Sri Lanka). Va reperito presso le autorità nazionali incaricate della protezione dei viaggiatori.

 

Offerte viaggi vacanze in tutto il mondo